Questo sito si avvale di cookie tecnici e di cookie analitici, anche di terze parti, necessari al funzionamento del sito. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.

Agisco quindi sono

Anima-soffioPer gli Antichi (si pensi ad Omero per esempio) non esiste il soggetto in quanto identità singola dotata di coscienza e volontà. Esiste invece un principio vitale (la psuché: il soffio, il respiro) che consente all'uomo di muoversi e di agire. Ovvero l'uomo è, esiste in quanto agisce... e quando questo soffio, questo respiro lo abbandona egli non esiste più. Non che egli sia mai esistito nel senso in cui lo intendiamo noi oggi, ovvero come "individuo": nulla di ciò che chiamiamo "pensiero" o "spirito" o "coscienza" era codificato e dava all'uomo lo status ontologico di "soggetto" (o individuo). Questo perché, proprio quelle forze agenti che configurano l'uomo, se non come individuo/soggetto, almeno come esistente in quanto agente sono in verità... esterne. Non vengono da dentro, ma da fuori. E in tali forze sono identificabili interventi divini dietro i quali si muove infine l'ananke, la necessità fatale, che sola tira le fila dei destini e delle decisioni umane.

Morale parziale: chissà se ci meritiamo questo upgrade a soggetti/individui...

Interessa il tema e vuoi approfondire?

Ecco allora qualche libro interessante:

  • Nussbaum, M. (1996) La fragilità del bene. Bologna, Il Mulino
  • Snell, B. (1963) La cultura greca e le origini del pensiero europeo. Torino, Einaudi
  • Vegetti, M. (1995) Passioni antiche: l'io collerico in Vegetti, S. (a cura di) Storia delle passioni. Roma-Bari, Laterza
  • Vegetti, M. (1989) L'etica degli antichi. Roma-Bari, Laterza